Palladio è un progetto di RefPower

Perché il nome Palladio

Fin dall’inizio di questo nuovo progetto si era fatta strada in RefPower l’idea di dargli un nome, che non fosse una semplice e fredda sigla commerciale.
Alla fine, dopo varie ipotesi più o meno fantasiose, ci siamo trovati tutti d’accordo sul nome Palladio, in particolare per due ragioni.

La prima è che l’architetto Andrea Palladio (Padova, 30 Novembre 1508 – Maser, 19 Agosto 1580) è uno dei talenti artistici più cristallini e rappresentativi che il Veneto, e in particolare Vicenza (dove è ubicata RefPower) abbia espresso nel corso della storia, con un lascito inestimabile in termini di opere che sono tutt’oggi di grande attrazione per i turisti e gli studiosi di tutto il mondo.

La seconda è che abbiamo riscontrato interessanti analogie tra le caratteristiche del nostro progetto e quelle che sono state le peculiarità del famoso architetto, ovvero la capacità di innovare la purezza e la semplicità dell’architettura classica costruendo opere in armonia con l’uomo e la natura e l’intelligenza pratica ingegneristica con cui ha saputo affrontare e risolvere problemi tecnici complessi.

Palladio nasce dall’idea di proporre al mercato un progetto innovativo di compressori a vite, nel quale far confluire le competenze tecniche maturate in oltre vent’anni di attività di progettazione e realizzazione di compressori e l’esperienza maturata da RefPower in ambito post-vendita.

Il risultato è una gamma completa di compressori a vite allo stato dell’arte, performanti ed affidabili, per applicazioni nei settori AC, raffreddamento di processo e refrigerazione industriale.

La filosofia progettuale seguita da RefPower ha invertito i canoni tipici del settore: è stato infatti sviluppato in primis il compressore con inverter integrato, per poi derivarne il compressore standard che prevede, comunque, la possibilità di utilizzare un inverter esterno. Massimo rilievo è stato dato all’ottimizzazione parallela di meccanica ed elettronica e alla loro perfetta integrazione nel compressore. E’ prevista la possibilità di utilizzo dei compressori con fluidi frigorigeni di tipo HFC, HFO e naturali quali l’R290 (Propano).

Accorgimenti particolari, come la possibilità di controllare in modo completamente automatico il Vi del compressore, sia a pieno carico che a carico parziale, portano al conseguimento della massima efficienza energetica con l’obiettivo di fornire ai costruttori di chiller compressori a vite con performance adeguate al raggiungimento degli ambiziosi traguardi previsti dalle attuali e future normative europee ed internazionali.

scopri refpower.eu